giovedì 26 novembre 2020

Emanuele Canta x BYOBLU - “I tamponi non sono affidabili”, lo stabilisce la Corte d’Appello di Lisbona!

“I tamponi non sono affidabili”, lo stabilisce una Corte d’Appello portoghese

La Corte d’Appello di Lisbona ha riconosciuto che i tamponi rinofaringei non sono adatti a stabilire la positività o la negatività al virus Sars-CoV-2.
Nella sentenza, emessa lo scorso 11 novembre dalla 3a sezione penale del Tribunale di Lisbona, si legge che “sulla base delle prove scientifiche attualmente disponibili, questo test non è di per sé in grado di determinare al di là di ogni dubbio se la positività corrisponda effettivamente a un’infezione da virus SARS CoV-2”.

mercoledì 25 novembre 2020

Ilaria Capua, direttrice dell’UF One Health Center:"“Chi è vaccinato può infettare e infettarsi”...."A posto siamo".


A posto siamo! “Chi è vaccinato può infettare e infettarsi”, la spiegazione della virologa Ilaria Capua “Da vaccinato posso andare in giro come se fossi sicuro al 100%? La risposta è no”. E’ quanto sottolinea la professoressa Ilaria Capua, direttrice dell’UF One Health Center

Di Peter Koenig Global Research - The Post Covid World, il progetto diabolico del WEF: “Resetting the Future of Work Agenda” - After “The Great Reset”. Un futuro orribile

 


Di Peter Koenig


Il World Economic Forum (WEF) ha appena pubblicato (ottobre 2020) un cosiddetto White Paper, intitolato “ Resetting the Future of Work Agenda - in a Post-Covid World ”.

Questo documento di 31 pagine si legge come un progetto su come "eseguire" - perché un'esecuzione (o implementazione) sarebbe - "Covid-19 - The Great Reset" (luglio 2020), di Klaus Schwab , fondatore e CEO (dal fondazione del WEF nel 1974) e il suo socio Thierry Malleret .

Chiamano "Resetting the Future" un Libro bianco, il che significa che non è proprio una versione finale. È una specie di bozza, un pallone di prova, per misurare le reazioni delle persone. Sembra davvero il racconto di un boia. Molte persone potrebbero non leggerlo - non hanno consapevolezza della sua esistenza. Se lo facessero, si armerebbero e combatterebbero questo ultimo progetto totalitario, offerto al mondo dal WEF.

Media argentini: Diego Maradona è morto dopo un arresto cardiorespiratorio


Media argentini: Diego Maradona è morto dopo un arresto cardiorespiratorio

L'ex Pibe de oro si trovava nella sua casa alla periferia di Buenos Aires. Sei ambulanze si sono precipitate per soccorrerlo

  • A
  •  
  • A
  •  
  • A

Diego Maradona è morto. Lo ha annunciato il 'Clarin', secondo cui l'ex Pibe de oro è deceduto in seguito a una crisi cardiorespiratoria mentre si trovava nella sua casa nel quartiere San Andres nella periferia di Buenos Aires, dove viveva dopo essere stato dimesso dalla clinica dov'era stato operato al cervello. Sul posto sono sopraggiunte sei ambulanze. "E' successo l'inevitabile", scrive il giornale. Con Maradona c'era la figlia Giannina. Diego aveva compiuto 60 anni il 30 ottobre scorso.


L'11 novembre Maradona aveva lasciato la clinica di Olivos dopo l'intervento alla testa effettuato il 4 novembre per un ematoma subdurale. Leopoldo Luque, medico dell'argentino, aveva diffuso la prima foto dopo l'intervento chirurgico: il Pibe de Oro appariva sorridente, sul letto e con una benda in testa. "Diego è incredibile". "Vivo per miracolo", aveva detto il suo avvocato, Matías Morla. Oggi la notizia più brutta.
 

BYOBLU X DAVVEROTV - Michele Crudelini : "LA MANNAIA DELL’UNIONE EUROPEA CONTRO LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE".

LA MANNAIA DELL'UNIONE EUROPEA CONTRO LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L’incubo del “Ce lo chiede l’Europa” non è finito. In un momento storico in cui i Paesi europei avrebbero bisogno di una mano tesa, senza condizioni, da parte delle istituzioni di Bruxelles, è pronta invece una mannaia nei confronti dell’economia dell’eurozona.

Il Regolamento che rischia di far collassare il sistema

Si tratta di un Regolamento della Commissione europea pubblicato nel lontano ottobre 2017, ma che secondo la procedura legislativa è prevista l’entrata in vigore il prossimo gennaio 2021 per tutti i Paesi membri dell’Unione europea. E il regolamento in questione se non subirà ostruzioni o modifiche dell’ultimo minuto rischia di rappresentare la pietra tombale per le piccole e medie imprese europee.

Perché? Perché questa norma modifica in maniera sostanziale i criteri di inadempienza delle imprese nei confronti degli istituti bancari. Si tratta duna modifica al ribasso che intende tutelare gli interessi degli istituti di credito nei confronti delle imprese indebitate. Il regolamento prevede in sostanza quanto segue: e cioè che un’impresa che abbia un arretrato pari ad un somma anche solo superiore a 500 euro, e che questa somma rappresenti più dell’1% del totale delle esposizioni verso lo stesso istituto di credito, potrà essere ritenuta inadempiente e segnalata presso la Centrale Rischi della Banca d’Italia.

A CHI GIOVA IL LOCKDOWN?..... di Luigi Copertino Luigi Copertino 24 Novembre 2020

 


    


A CHI GIOVA IL LOCKDOWN?

Il potere finanziario è autorefenziale perché crea moneta dal nulla in modo che il denaro generi altro denaro senza alcuna connessione con la produzione reale ovvero svincolando quanto più possibile lo strumento monetario dal servizio all’economia reale e, così, consentire a coloro che sono padroni dei meccanismi della monetazione e del credito di arricchirsi senza lavorare. La finanza autoreferenziale, intrinsecamente distruttiva e nichilista, è fondata sulla rendita procurata dall’interesse sulla moneta creata ex nihilo. E’ esattamente con questa promessa che il rosacruciano William Paterson allettò i suoi soci della Bank of England nel 1694. Una rendita parassitaria, un profitto disonesto.

martedì 24 novembre 2020

La #Germania è caduta. Il loro governo ha approvato una legge che RIMUOVE i loro diritti costituzionali. Il popolo tedesco lotta.

 

Global Research, 24. 11. 2020 - Il Chief Science Officer di Pfizer afferma che la "seconda ondata" ha falsificato i test COVID falsi positivi, "Pandemic Is Over"

 




In uno sviluppo sbalorditivo, un ex Chief Science Officer del gigante farmaceutico Pfizer afferma che "non c'è scienza che suggerisca che dovrebbe verificarsi una seconda ondata". L'insider "Big Pharma" afferma che i risultati falsi positivi di test COVID intrinsecamente inaffidabili vengono utilizzati per produrre una "seconda ondata" basata su "nuovi casi".

Il dottor Mike Yeadon , ex vicepresidente e direttore scientifico di Pfizer per 16 anni, afferma che la metà o anche "quasi tutti" i test per COVID sono falsi positivi . Il dottor Yeadon sostiene anche che la soglia per l'immunità della mandria potrebbe essere molto più bassa di quanto si pensasse in precedenza e potrebbe essere già stata raggiunta in molti paesi.

In un'intervista la scorsa settimana è stato chiesto al dottor Yeadon:

"Stiamo basando una politica del governo, una politica economica, una politica delle libertà civili, in termini di limitare le persone a sei persone in una riunione ... tutto basato su, quali potrebbero essere, dati completamente falsi su questo coronavirus?"

Il dottor Yeadon ha risposto con un semplice "sì".

BYOBLU-DAVVEROTV - Ormai chi non si allinea al pensiero dominante viene bollato come negazionista.


Ormai chi non si allinea al pensiero dominante viene bollato come negazionista.

L’apoteosi di questa caccia alle streghe è avvenuta nel programma televisivo Atlantide, su La7, dove il filosofo Umberto Galimberti non ha esitato a definire il negazionismo “clinicamente una forma di pazzia”. I negazionisti secondo il filosofo sarebbero degli individui che “per contenere l’angoscia cercano nella negazione una forma di tranquillità”. Per smontare pezzo per pezzo la disamina impietosa di Galimberti, Byoblu24 ha intervistato il filosofo e giornalista Matteo Simonetti.

In un lungo articolo Simonetti spiega che il negazionismo in quanto tale non esiste, “si tratta invece di una manipolazione vera e propria, tesa a catalogare le persone che non la pensano come l’ideologia dominante”.