Pagine

venerdì 22 giugno 2018

ALBERTO BAGNAI - Seminario Rivoluzionario - Parole guerriere – Sovranità, Italia, Europa: quale unione?

È ASSOLUTAMENTE OBBLIGATORIO ACCREDITARSI
ON-LINE A QUESTO LINK PER PARTECIPARE:

LA PARTECIPAZIONE È GRATUITA E GARANTITA FINO AD ESAURIMENTO POSTI IN SALA

Dove?
Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati
in Via di Campo Marzio 78, Roma
PER ACCEDERE ALLE SALE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI È OBBLIGATORIO UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO E PER I SIGNORI È OBBLIGATORIA LA GIACCA
Le operazioni di entrata inizieranno 30 minuti PRIMA dell’inizio del Seminario. Vi preghiamo di arrivare il prima possibile in quanto, per accedere alla sala, bisogna effettuare i controlli di sicurezza al Metal-Detector e potrebbero crearsi lunghe file.
Abbiamo fame, di rivoluzione e di pace. Dobbiamo pensare parole guerriere e compiere azioni rivoluzionarie...

MAURIZIO BLONDET - MACRON ORA PUO’ SOLO MANDARCI LE TRUPPE AL CONFINE

Il Pentagono non può contare per $ 21 trilioni (che non è un errore di battitura)

ense Robert Gates durante una visita del 2008 in Kosovo con le truppe dell'esercito degli Stati Uniti a pattuglia a piedi nella città di Gnjilane.
------------------------------------------
"I media mainstream sono i portavoce dell'industria delle armi, sono amici dei benefici del complesso militare-industriale.
Non ho visto praticamente nulla dai principali media aziendali riguardo a questo misterioso $ 21 trilioni.
Mi è sfuggito il momento in cui Wolf Blitzer della CNN ha detto che i soldi che gettiamo in guerra e in morte - sia il denaro rappresentato o i trilioni segreti - potrebbero porre fine alla fame nel mondo e alla povertà  molte volte . "
Ventuno miliardi di dollari.
I numeri del Pentagono dimostrano che non può rappresentare $ 21 trilioni. Sì, intendo trilioni con un "T." E questo potrebbe cambiare tutto.
Ma tornerò su questo in un momento.
Ci sono certe cose che la mente umana non è destinata a fare. I nostri cervelli complessi non possono visualizzare il mondo in infrarossi, non può scrivere le parole all'indietro durante l'orgasmo e non può  davvero  cogliere numeri su poche migliaia. A poche migliaia, possiamo sentire e concettualizzare. Siamo stati tutti negli stadi con diverse migliaia di persone. Abbiamo un'idea di come appare (e di quanto appiccica il pavimento)...

La Merkel si piega, e Macron impazzisce. // Ma quant’ è grande e svariata questa Italia?



(di Marcello Foa) –
 Riepiloghiamo. La Merkel e Macron stringono un accordo a due che prevede il diritto di rispedire nel Paese di prima accoglienza, ovvero soprattutto l’Italia, i migranti che riescono a raggiungere altri Paese. Il premier Conte e il ministro degli Interni Salvini si arrabbiano, picchiano i pugni sul tavolo e minacciano di disertare il vertice europeo di Bruxelles.
In altri tempo Berlino e Parigi avrebbero fatti spallucce, perché l’Italia smidollata a cui erano abituati avrebbe fatto spallucce. Ma stavolta no. Bastano poche ore e la Merkel compie un gesto inimmaginabile, si rimangia tutto estraccia l’accordo con Parigi.
Macron reagisce a modo suo, svelando ancora una volta il lato autoritario e sprezzante del suo carattere; denuncia “i populisti che si diffondono come la lebbra”. Non nomina l’Italia, ma il riferimento è esplicito. E a rimetterlo in riga in pochi minuti è il vicepremier Di Maio.
Il governo di Roma è così forte da piegare la Germania e da mandare in crisi (d’isteria) la Francia, che non sa più come domare un Paese troppo a lungo considerato alla stregua di una servile colonia.
Come cambia il mondo e quant’è grande questa Italia?---


==================================================================

BENEVENTO/CAMPANIA/CRONACA/INTERNO/POLITICA

Inchiesta centri imigrati a Benevento: in carcere l'"il Capò accogliente con la Ferrari"....e tutti i suoi adepti

Eccola qua, finalmente, la “montagna di merda” dell’accoglienza, ben occultata sotto la falsa patina della solidarietà umana, affiora a galla in tutta la sua lercia e lucrosa articolazione.
Mentre dai pulpiti sacri, bardati di bandiere arcobaleno, qualcuno invocava arrivi infiniti ed accoglienza a gogò, snaturando finanche l’esegesi evangelica, gli avvoltoi spavaldi e famelici dell’industria umanitaria giravano disinvoltamente in Ferrari, ampliando le loro catene di montagg…io “no border”, rimpinguando le proprie tasche a detrimento del popolo e del bene nazionale.
Determinante, al riguardo, la complicità “sinistra” del PD nel dare veste compiuta alla filiera criminale di carne umana, con il loro fardello organizzativo di cooperative e di amministratori compiacenti.
Il marcio parte dall’alto e si propaga come un tumore nei mille rivoli delle competenze e degli appalti, con abili faccendieri ad oliare i meccanismi e velocizzare gli iter di finanziamento.
Da quanto emerge, più grave e inquietante, è la reticenza altrettanto complice di un certo mondo intellettuale e giornalistico, che pur di offrire un alibi concettuale all’immigrazione di popolamento in atto, fingeva di non sapere pur avendo gli strumenti e gli indizi per portare alla luce tali misfatti.

Il tempo è galantuomo, per fortuna. Chi raggira le coscienze con la menzogna e con l’inganno, alla lunga finisce smascherato.
Meditate!




Blogview Ron Unz Archive American Pravda: The JFK Assassination, Part I - What Happened?

shutterstock_698532424



PS:...un post molto corposo ( e lungo da leggere..) ma merita di essere letto...!
umberto marabese
-----------------------

Circa una decina di anni fa, ho ricevuto un abbonamento a Netflix e sono rimasto stupito dal fatto che Internet ora fornisse accesso immediato a così tante migliaia di film sullo schermo del mio computer. Ma dopo una settimana o due di uso intenso e la creazione di una lunga lista di potenziali film che avrei sempre voluto vedere, il mio carico di lavoro ha avuto il sopravvento, e per lo più ho abbandonato il sistema.

Allora, quasi tutti i contenuti di Netflix erano concessi in licenza dai principali studi e, a seconda delle negoziazioni contrattuali, potrebbero scomparire ogni anno, quindi quando mi è capitato di consultare nuovamente il mio account a dicembre, ho notato che un paio di film sulla mia lista di selezione includevano avvertenze che dicevano che non sarebbe più disponibile il 1 ° gennaio. Uno di questi era il famoso film del 1991 di Oliver Stone, JFK , che aveva suscitato molto scalpore in quel periodo, quindi pensando ora o mai più, ho fatto clic sul pulsante Play e ho passato tre ore quella sera a guardare il vincitore dell'Oscar....

giovedì 21 giugno 2018

Russia e Cina: la crescente alleanza nell'ambito dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai


Solo un'immagine casuale di Xi
---------------------------------------

"... le sanzioni contro il cosiddetto Asse del Male diventeranno sempre più inefficaci dal momento che la Corea del Nord, l'Iran e la Russia guardano fuori dall'Occidente come fonte di benessere economico".
Mentre le cosiddette "economie avanzate" del mondo, il G7 o il G6 + 1, stavano litigando per questioni commerciali con l'economia dominante del mondo, gli Stati Uniti, dall'altra parte del globo, le altre economie del mondo stavano scendendo agli affari e dandoci un senso di chi dominerà l'economia globale nel futuro.

Iniziamo con una breve introduzione. L'  Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai è  stata annunciata il 15 giugno 2001 e il suo statuto è entrato in vigore il 19 settembre 2003. I membri originari comprendevano la Repubblica popolare cinese, il Kazakistan, la Repubblica del Kirghizistan, la Repubblica del Tagikistan, la Repubblica dell'Uzbekistan e la Federazione Russa. Nel 2017, sia l'India che il Pakistan hanno ottenuto lo status di membri a pieno titolo. Ci sono anche quattro stati osservatori; Afghanistan, Bielorussia, Iran e Mongolia. Ci sono sei partner di dialogo; Azerbaigian, Armenia, Cambogia, Nepal, Turchia e Sri Lanka.
Ecco  una mappa che mostra le nazioni membri della Shanghai Cooperation Organization, mostrando la loro vicinanza geografica stretta:...

Orizzonte48 - SALVINI: " SU ROM-SINTI, ESIGENZE DI CENSIMENTO..."



PS: Per i miei assidui lettori e a quelli occasionali, ecco la risposta scritta e certificata sul caso richiesto dal Ministro Salvini..." Rom-Sinti, esigenza di censimento...".
umberto marabese
-----------------------

All’esternata volontà (o intenzione) di procedere ad un censimento dei ROM da parte del Ministro dell'interno,  è seguita una lunga polemica che non sorprende tanto in quanto polemica e manifestazione di un pensiero contrapposto a quello espresso dal Ministro, quanto per l’inesattezza delle contro-argomentazioni che si baserebbero, in questo caso, addirittura su una presunta incostituzionalità del censimento stesso.
Senza tacciarmi di alcun merito, quindi, e al solo scopo di fornire qualche ulteriore elemento di valutazione e approfondimento sul tema, riporto in maniera riassuntiva i passaggi più significativi di un lavoro scientifico effettuato con particolare meticolosità dal prof. Daniele Trabucco (con pregresse esperienze di insegnamento di Diritto Costituzionale, ma anche di diritto Europeo) dal titolo LE MINORANZE NELL’ORDINAMENTO COSTITUZIONALE ITALIANO”, che espone in maniera chiarissima quali sono le garanzie costituzionali relativamente alle minoranze etniche e le ulteriori tutele derivanti dall’ordinamento nazionale ed internazionale.
   1) Innanzitutto l’autore (nel richiamare diverse fonti) chiarisce che la comunità internazionale non introducono trattamenti differenziati a tutela dei gruppi minoritari, ma rinviano all’autonoma determinazione delle autorità nazionali, e quindi alla facoltà di modulare il regime giuridico delle minoranze in funzione delle diverse situazioni nazionali.
Secondo un approccio comune a molte Costituzioni contemporanee che trova conferma in alcune risoluzioni del parlamento europeo  e nella Carta delle lingue regionali o minoritarie del Consiglio d’Europa del 1992 (Il cui preambolo richiama il Patto internazionale sui diritti civili e politici del 1966, la CEDU del 1950, l’ Atto finale di Helsinki del 1975 ed il documento della riunione di Copenaghen del 1990), la tendenza è quella di prendere in considerazione l’oggetto della disciplina cioè la lingua e solo indirettamente i soggetti beneficiari, il che comporta il sostituire al concetto ambiguo ed onnicomprensivo di “minoranza nazionale” quello più specifico di lingua e cultura regionale o minoritaria....

Maurizio Blondet - Tg La7 ‏ #Merkel chiama Conte, bozza Ue sara’ accantonata. Lo riferisce premier italiano su Facebook


























LaMalfa: Dissi a Padoa Schioppa “guarda che € non può funzionare” lui rispose “E credi che non lo sappiamo?” ...

Libia, Ong Lifeline soccorre 400 migranti direttamente in acque libiche.| Salvini e Toninelli: "Opera fuori regole" | Ue: "La bozza è solo uno spunto di discussione"

Libia, Ong Lifeline soccorre 400 migranti | Salvini e Toninelli:  Opera fuori regole

"La nave Ong Lifeline (batte bandiera Olandese) sta agendo in acque libiche fuori da ogni regola, fuori dal diritto internazionale". A dirlo è il ministro dei Trasporti. Stessa linea di Matteo Salvini che aggiunge:"Avete fatto un atto di forza? Bene, questo carico di esseri umani ve lo portate in Olanda".

"La nave Ong Lifeline sta agendo in acque libiche fuori da ogni regola, fuori dal diritto internazionale". A dirlo è il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, spiegando che la nave ha imbarcato profughi contravvenendo alle istruzioni della guardia costiera libica che stava intervenendo.
 E il vicepremier Matteo Salvini annuncia: "Avete fatto un atto di forza? Bene, questo carico di esseri umani ve lo portate in Olanda, fate il giro un po' largo"....
continua a leggere...
http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/migranti-toninelli-e-salvini-contro-lifeline-opera-fuori-dalle-regole-_3147358-201802a.shtml

Marco Travaglio: “RAI TV, Operazione Lavatrice”...con aggiunta importante di varichina...!




di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano 21-6-2018 – 
Se la Rai fosse un acquario o un rettilario, varrebbe la pena di pagare il biglietto e sedersi lì davanti in osservazione, per godersi uno spettacolo che nessun cinema, teatro, serie tv sono in grado di offrire. Purtroppo bisogna accontentarsi degli spifferi che escono dai corridoi di Viale Mazzini e Saxa Rubra: alcuni troppo belli per essere veri e altri troppo veri per essere belli. Provate a immaginare centinaia di tapini paracadutati o promossi nel ventennio berlusconiano perché credevano – o almeno così dicevano – nella famosa rivoluzione liberale: foto di Silvio sulla scrivania, bandierone di Forza Italia a coprire il tricolore e – per le donne – farfallina dorata di ordinanza appesa alla catenina al posto del crocifisso. Poi venne giù tutto e si scoprirono tutti montiani o bersaniani. Poi rivenne giù tutto e si convertirono, con gran consumo di lingue, costole e rotule, al renzismo.
Andavano alle Leopolde, vestivano Zara come la Boschi, portavano i boccoli à la Madia, stravedevano per la rottamazione (altrui), erano sempre al telefono con Epurator Anzaldi senza mai muovere un sopracciglio alle cacciate di Gabanelli, Berlinguer, Giannini e Giletti. Pensavano che la pacchia durasse almeno vent’anni, per riposare un po’ le lingue, le costole e le rotule fino alla pensione...

mercoledì 20 giugno 2018

IL Video Blog di Claudio Messora - LIBERIAMO L’INFORMAZIONE – Controrassegna Blu #17


Mentre in politica tiene banco il dibattito sull’immigrazione, c’è un’altra partita da giocare, forse la più importante: quella sull’informazione. Definita da molti il quarto potere dello Stato, per la sua immensa capacità di influenzare il dibatto pubblico, l’informazione viene prima di tutto. In effetti: nessuna scelta, in ambito politico, può definirsi davvero libera, se non si basa su un’informazione pluralista e non manipolata. Per decidere in maniera “inconsapevole”, insomma, bisogna prima di tutto sentire tutte le campane.
E su questo, pensate, è d’accordo anche George Soros, di cui parleremo nel primo servizio, che tra gli obiettivi “dichiarati” della sua Open Society Foundations pone proprio la necessità di tutelare la diversità delle opinioni.
E allora, mentre si aspettano le nuove nomine Rai, attese per luglio, e soprattutto i nuovi palinsesti, sarebbe il caso di rivedere anche le regole di ingaggio alle quali i social network, divenuti ormai monopolisti di fatto dell’informazione in rete, devono sottostare. Le enormi pressioni che proprio su Google e Facebook i grandi capitali e il loro potere hanno esercitato, dopo l’elezione di Trump o dopo la Brexit, hanno portato a a uno stato di libertà apparente, più simile alla censura...

Maurizio Blondet - NON E’ COLPA DEGLI ZINGARI. MA DEL DEEP STATE “DE NOANTRI”

Un ascoltatore racconta delle occupazioni abusive di case popolari che fanno gli zingari:  “poi esibiscono i bambini e il magistrato sblocca lo sgombero. S’intende i bambini scompaiono, e loro subaffittano le brande”. Nelle case  ricevute o occupate, non ci abitano.  Stazioni di Roma inagibili per i continui, impuniti borseggi, con bambini e bambine come complici.  In un quartiere, cittadini si sono riuniti in  “guardie del vicinato”, i  furti in casa continui, e un cittadino che ha provato ad affrontare lo zingaro si è sentito minacciare di morte: la denuncia è inutile, non porta mai a niente..  La stazione ferroviaria dove gli zingari, per vendetta, distruggono continuamente le toilette; non ci si può far nulla, perché sono impuniti. Alla stazione Tiburtina, per i viaggiatori, hanno messo un wc chimico a gettone, in vista, nella piazzetta d’aspetto. I Casamonica che spadroneggiano, sicuri della loro impunità.
Dai racconti degli ascoltatori, era chiaro. La magistratura  sistematicamente dalla loro parte, gli agenti di polizia che hanno rinunciato a beccare la 14 enne che ha nascosto nelle mutande il portafoglio rubato, perché  “Toccami e ti denuncio, pedofilo!”, e poi i giudici ti fanno pure passare un guaio. Sindaci di sinistra che forniscono luce, acqua e gas ai “nomadi” nonostante non paghino....

Salvini: 800 migranti morti per buonisti e scafisti | E minaccia la Ue: cambi o stop soldi

Salvini: 800 migranti morti per buonisti e scafisti | E minaccia la Ue: cambi o stop soldi
VIENNA: NOI E ROMA ALLEATI PER DIFENDERE LʼEUROPA.E mette in guardia Bruxelles: o si rivede il regolamento di Dublino o ridiscutiamo il finanziamento allʼUe. Il ministro dellʼInterno e vicepremier poi chiama la Spagna: "Prenda altri quattro barconi". Gli 800 migranti morti quest'anno durante le traversate in mare "pesano sulla coscienza di scafisti e buonisti". Lo ha detto il ministro dell'InternoMatteo Salvini, che ha lanciato un "ultimatum" a Bruxelles nel caso non venga rivisto il regolamento di Dublino. "L'aria in Europa sta cambiando e confidiamo nel buonsenso dei colleghi europei, anche perché non vorremmo arrivare a ridiscutere il finanziamento italiano all'Ue", ha affermato. "Secondo il progetto della relocation la Spagna avrebbe dovuto accogliere 3.265 richiedenti asilo dall'Italia, ma finora ne ha presi soltanto 235, quindi può accogliere anche i prossimi quattro barconi", ha poi sottolineato il ministro dell'Interno al termine dell'incontro con l'omologo austriaco Herbert Kickl....continua a leggere...http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/migranti-salvini-gli-800-morti-sono-colpa-di-buonisti-e-scafisti-_3147218-201802a.shtml

Maurizio Blondet - Le banche centrali camminano sulle uova. Il QE magari non cessa.

20.06.'18 - Marco Travaglio: “Prevenuti preventivi”









  




di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano del 20 Giugno 2018 – 
Fa notizia il sondaggio del TgLa7 sul sorpasso della Lega sui 5Stelle, che farebbero bene a rifletterci: non perché i sondaggi debbano orientare la politica, ma perché i loro elettori sono molto più esigenti degli altri. Sia sulla coerenza (dal “mai con la Lega” al governo con la Lega). Sia sulla questione morale: infatti sono gli unici a indignarsi per lo scandalo Parnasi (che ha pagato politici e fondazioni di quasi tutti i parti, tranne quelli del M5S, ma è bastato l’arresto del superconsulente Lanzalone per far scattare l’allarme, peraltro sacrosanto). Per recuperare il terreno perduto non basterà dunque rubare la scena a Salvini (mission impossible, al momento, anche se alla lunga due-tre sparate al giorno potrebbero stufare): servono segnali concreti e immediati di cambiamento sui temi cari alla base: lavoro, diseguaglianze, legalità, trasparenza, casta....